domenica 30 agosto 2015

Paolo Conte

Quei due sapevano a memoria dove volevano arrivare..
(Paolo Conte, Boogie)

Antonio Tabucchi

Per capire cos’è la saudade, dunque, niente di meglio che provarla direttamente. Il momento migliore è ovviamente il tramonto, che è l’ora canonica della saudade, ma si prestano bene anche certe sere di nebbia atlantica, quando sulla città scende un velo e si accendono i lampioni. Lì, da soli, guardando questo panorama davanti a voi, forse vi prenderà una sorta di struggimento. La vostra immaginazione, facendo uno sgambetto al tempo, vi farà pensare che una volta tornati a casa e alle vostre abitudini vi prenderà la nostalgia di un momento privilegiato della vostra vita in cui eravate in una bellissima e solitaria viuzza a guardare un panorama struggente. Ecco, il gioco è fatto: state avendo nostalgia del momento che state vivendo in questo momento. E’ una nostalgia al futuro. Avete sperimentato di persona la saudade.
-Antonio Tabucchi, Viaggi e altri viaggi


Anna Politkovskaja

Bisogna essere disposti a sopportare molto, anche in termini di difficoltà economica, per amore della libertà.
Anna Politkovskaja ( New York, 30 agosto 1958 – Mosca, 7 ottobre 2006)


venerdì 28 agosto 2015

Goethe


“Da dove siamo nati?
Dall’amore.
Come saremmo perduti?
Senza amore.
Cosa ci aiuta a superarci?
…L’amore.
Si può trovare anche l’amore?
Con amore.
Cosa abbrevia il pianto?
L’amore.
Cosa deve unirci sempre?
L’amore.”
— J.W. Goethe


Goethe


Potrei dire a quell'attimo:
Fermati dunque
sei così bello!
J W. Goethe, da "Faust, II, atto V"



mercoledì 26 agosto 2015

Alda Merini

Paura dei tuoi occhi,
di quel vertice puro
entro cui batte il pensiero,
paura del tuo sguardo
nascosto velluto d’algebra
col quale mi percorri,
paura delle tue mani
calamite leggere
che chiedono linfa,
paura dei tuoi ginocchi
che premono il mio grembo
e poi ancora paura
sempre sempre paura,
finché il mare sommerge
questa mia debole carne
e io giaccio sfinita
su te che diventi spiaggia
e io che divento onda
che tu percuoti e percuoti
con il tuo remo d’Amore.
 
Alda Merini 

Bertolucci


 La mia università è andare a cena ogni sera da Elsa Morante e Alberto Moravia con Pier Paolo Pasolini. 
Bernardo Bertolucci
(a suo padre che insisteva perché andasse all'università)

Rayuela

Allora le mie mani cercano di affondare nei tuoi capelli, carezzare lentamente la profondità dei tuoi capelli mentre ci baciamo come se avessimo la bocca piena di fiori o di pesci, di movimenti vivi, di fragranza oscura. E se ci mordiamo il dolore è dolce, se soffochiamo in un breve e terribile assorbire simultaneo del respiro, questa istantanea morte è bella. E c'è una sola saliva e un solo sapore di frutta matura, e io ti sento tremare stretta a me come una luna nell'acqua.

Julio Cortázar, Il gioco del mondo (Rayuela), 7

martedì 25 agosto 2015

Virginia Woolf

Non si può pensare bene, né amare bene, né dormire bene se non si è mangiato bene.
Virginia Woolf

Umberto Saba

«A mia moglie» di Umberto Saba

Tu sei come una giovane
una bianca pollastra.
Le si arruffano al vento
le piume, il collo china
per bere, e in terra raspa;
ma, nell’andare, ha il lento
tuo passo di regina,
ed incede sull’erba
pettoruta e superba.
È migliore del maschio.
È come sono tutte
le femmine di tutti
i sereni animali
che avvicinano a Dio,
Così, se l’occhio, se il giudizio mio
non m’inganna, fra queste hai le tue uguali,
e in nessun’altra donna.
Quando la sera assonna
le gallinelle,
mettono voci che ricordan quelle,
dolcissime, onde a volte dei tuoi mali
ti quereli, e non sai
che la tua voce ha la soave e triste
musica dei pollai.
Tu sei come una gravida
giovenca;
libera ancora e senza
gravezza, anzi festosa;
che, se la lisci, il collo
volge, ove tinge un rosa
tenero la tua carne.
se l’incontri e muggire
l’odi, tanto è quel suono
lamentoso, che l’erba
strappi, per farle un dono.
È così che il mio dono
t’offro quando sei triste.
Tu sei come una lunga
cagna, che sempre tanta
dolcezza ha negli occhi,
e ferocia nel cuore.
Ai tuoi piedi una santa
sembra, che d’un fervore
indomabile arda,
e così ti riguarda
come il suo Dio e Signore.
Quando in casa o per via
segue, a chi solo tenti
avvicinarsi, i denti
candidissimi scopre.
Ed il suo amore soffre
di gelosia.
Tu sei come la pavida
coniglia. Entro l’angusta
gabbia ritta al vederti
s’alza,
e verso te gli orecchi
alti protende e fermi;
che la crusca e i radicchi
tu le porti, di cui
priva in sé si rannicchia,
cerca gli angoli bui.
Chi potrebbe quel cibo
ritoglierle? chi il pelo
che si strappa di dosso,
per aggiungerlo al nido
dove poi partorire?
Chi mai farti soffrire?
Tu sei come la rondine
che torna in primavera.
Ma in autunno riparte;
e tu non hai quest’arte.
Tu questo hai della rondine:
le movenze leggere:
questo che a me, che mi sentiva ed era
vecchio, annunciavi un’altra primavera.
Tu sei come la provvida
formica. Di lei, quando
escono alla campagna,
parla al bimbo la nonna
che l’accompagna.
E così nella pecchia
ti ritrovo, ed in tutte
le femmine di tutti
i sereni animali
che avvicinano a Dio;
e in nessun’altra donna.


Nietzsche

L'uno cerca un ostetrico delle proprie idee, l'altro qualcuno cui egli possa recare aiuto: così nasce un buon dialogo.
Nietzsche
Al di là del bene e del male: IV, 136



domenica 23 agosto 2015

La nausea


“Sogno su delle parole, ecco tutto.”
— Jean-Paul Sartre, La nausea

Roberto Cotroneo


L'assenza non conforta, l'assenza non è neppure un dolore con cui avvolgersi, come fosse una coperta necessaria, per quanto non voluta. L'assenza non è la curva della strada. L'assenza è un miraggio rovesciato. Viviamo di apparizioni divine e terrene. E non sappiamo capire cosa sia quell'assenza che è un fruscio, il cigolare sommesso di una porta, la linea d'ombra che va a spegnere il bianco di un muro, il grigio di certi pomeriggi, appena prima che arrivi un tramonto, quando il sole si è deciso a sfumare sotto l'orizzonte, ma non ha deciso di farlo nel modo solito, quello che piace a tutti. L'assenza non è un telefono muto, quella è la morte. L'assenza è un telefono che squilla una volta soltanto, e smette prima che tu dica:' Pronto...'.

Roberto Cotroneo - Questo amore



Narciso e Boccadoro


«Mai più!» diceva imperiosa la sua volontà. «Domani ancora!» supplicava il cuore singhiozzante."

Hermann Hesse, Narciso e Boccadoro


sabato 22 agosto 2015

Accadde oggi

Ferdinando Nicola Sacco (Torremaggiore, 22 aprile 1891 – Charlestown, 23 agosto 1927) e Bartolomeo Vanzetti (Villafalletto, 11 giugno 1888 – Charlestown, 23 agosto 1927) furono due anarchici italiani.
Vennero arrestati, processati e giustiziati sulla sedia elettrica negli Stati Uniti negli anni venti, con l'accusa di omicidio di un contabile e di una guardia del calzaturificio «Slater and Morrill». Sulla loro colpevolezza vi furono molti dubbi già all'epoca del loro processo; a nulla valse la confessione del detenuto portoricano Celestino Madeiros, che scagionava i due.
Sacco di professione faceva l'operaio in una fabbrica di scarpe, mentre Vanzetti – che gli amici chiamavano Trumlin – gestiva una rivendita di pesci. Furono giustiziati sulla sedia elettrica il 23 agosto 1927 nel penitenziario di Charlestown, presso Dedham.
A cinquant'anni esatti dalla loro morte, il 23 agosto 1977 Michael Dukakis, governatore dello Stato del Massachusetts, riconobbe ufficialmente gli errori commessi nel processo e riabilitò completamente la memoria di Sacco e Vanzetti.




Pirandello




"Hai mai pensato di andare via e non tornare mai più? Scappare e far perdere ogni tua traccia, per andare in un posto lontano e ricominciare a vivere, vivere una vita nuova, solo tua, vivere davvero?
Ci hai mai pensato?”
— (Luigi Pirandello – Il fu Mattia Pascal)


Ignazio Silone

“In capo a tutti c’è Dio, padrone del cielo.
Questo ognuno lo sa.
Poi viene il principe di Torlonia, padrone della terra.
Poi vengono le guardie del principe.
Poi vengono i cani delle guardie del principe.
Poi, nulla.
Poi, ancora nulla.
Poi, ancora nulla.
Poi vengono i cafoni.
E si può dire ch’è finito. ” 
— Ignazio Silone, Fontamara, 1930


Ray Bradbury

"Capite ora perché i libri sono odiati e temuti? Perché rivelano i pori sulla faccia della vita. La gente comoda vuole soltanto facce di luna piena, di cera, facce senza pori, senza peli, inespressive."


Ray Bradbury, Fahrenheit 451




Ray Bradbury

Non limitatevi a credere, ragazzi: conoscete.
(Ray Bradbury, Ritornati dalla polvere)



venerdì 21 agosto 2015

Hugo Pratt


“Chi insegue un sogno non desidera, in realtà, la sua realizzazione, ma vuole solo poter continuare a sognare. All’orizzonte di quell’oceano ci sarebbe stata sempre un’altra isola, per ripararsi durante un tifone, o per riposare e amare. Quell’orizzonte aperto sarebbe sempre stato lì, un invito ad andare.”
— Hugo Pratt,
Corto Maltese





giovedì 20 agosto 2015

Salvatore Quasimodo

Mi chiedi parole.
Ma il tempo
precipita come un masso sulla mia anima
che vuole certezze,
e più non ha sillabe
da offrire se non quelle silenziose
del sangue legate al tuo nome,

o mia vita,
mio amore senza fine.

S. Quasimodo



Salvatore Quasimodo

Ti cammino sul cuore, ed è un trovarsi d'astri in arcipelaghi insonni.
(S.Quasimodo)



mercoledì 19 agosto 2015

Rilke

Quando i miei pensieri sono ansiosi, inquieti e cattivi, vado in riva al mare, e il mare li annega e li manda via con i suoi grandi suoni larghi, li purifica con il suo rumore, e impone un ritmo su tutto ciò che in me è disorientato e confuso.

Rainer Maria Rilke



martedì 18 agosto 2015

Hermann Hesse

La lettura senza l'amore, il sapere senza la reverenza, la cultura senza il cuore, sono tra i peggiori peccati commessi contro lo spirito.
(Hermann Hesse)


Nanni Moretti

“Perché io mica divento amico del primo che incontro. Io decido di voler bene, scelgo. E quando scelgo, è per sempre.”
Buon compleanno, Nanni Moretti




lunedì 17 agosto 2015

Carlos Drummond de Andrade

Definitivo, come tutto ciò che è semplice.
Il nostro dolore non deriva dalle cose vissute,
ma dalle cose che sogniamo e che non si realizzano.
Perché soffriamo tanto per amore?
Sarebbe meglio che la gente non soffrisse,
e ringraziasse anche solo per aver conosciuto una persona tanto buona,
che generò in noi un sentimento intenso
che ci ha accompagnato per un tempo ragionevole,
un tempo felice.
Perché soffriamo ?
Per tutti i baci cancellati, per l’eternità.
Soffriamo, non perché il nostro lavoro è stressante e paga poco,
ma per tutte le ore libere
che non abbiamo avuto per andare al cinema,
per conversare con un amico,
per nuotare, per innamorarci.
Perché automaticamente dimentichiamo quello che abbiamo goduto
e cominciamo a soffrire per i nostri progetti irrealizzati,
per tutte le città che avremmo potuto conoscere a fianco del nostro amore,
per tutti i figli che avremmo avuto piacere ad avere vicino,
per tutti gli show, i libri e i silenzi che avremmo gradito condividere,
Soffriamo, non perché nostra madre è impaziente con noi,
ma per tutti i momenti in cui le avremmo potuto confidare
le nostre più profonde angosce
e fosse interessata a comprenderci.
Soffriamo, non perché la nostra squadra ha perso,
ma per l’ euforia soffocata.
Soffriamo non perché invecchiamo,
ma perché il futuro è da noi confiscato,
impedendo così che ci accadano mille avventure,
tutte quelle con le quali sogniamo e
mai tentiamo di sperimentare.
Come alleviare il dolore di ciò che non fu vissuto?
La risposta è semplice come un verso:
Avere meno illusioni e vivere di più!!!
Ogni giorno che vivo
mi convinco sempre più
che lo spreco della vita
è nell’amore che non diamo,
nelle forze che non usiamo,
nella prudenza egoista che non rischia mai,
e che, schivando la sofferenza,
fa perdere anche la felicità.
Il dolore è inevitabile.
La sofferenza è un accessorio extra.

Carlos Drummond de Andrade


sabato 15 agosto 2015

Sibilla Aleramo


“La felicità consiste nell’aver vicino qualcuno che si preoccupi se ci vede un po’ pallide.”
— Sibilla Aleramo


venerdì 14 agosto 2015

Grazia Deledda


“Mutiamo tutti, da un giorno all’altro, per lente e inconsapevoli evoluzioni, vinti da quella legge ineluttabile del tempo che oggi finisce di cancellare ciò che ieri aveva scritto nelle misteriose tavole del cuore umano.”

— Grazia Deledda



Il Gattopardo

L'amore? Già, certo, l'amore... fuoco e fiamme per un anno, e cenere per trenta."

(Don Fabrizio a padre Pirrone ne "Il Gattopardo" di Giuseppe Tomasi di Lampedusa)



Le affinità elettive

Quelle sostanze che, incontrandosi, subito si compenetrano e si influenzano reciprocamente, le chiamiamo affini. Nel caso degli alcali e dei sali, che , seppur opposti, e forse proprio perché opposti, si cercano e si associano col massimo vigore, modificandosi e formando insieme un nuovo corpo, questa affinità è palese. […] Bisogna vedere in azione davanti ai propri occhi queste sostanze all’apparenza inerti, e tuttavia intimamente sempre disposte, ed osservare con partecipazione il loro cercarsi, attirarsi, distruggersi, divorarsi, consumarsi, e poi il loro riemergere dalla più intima congiunzione in forma mutata, nuova, inattesa.”
— Johann Wolfgang von Goethe, Le Affinità Elettive



Ennio Flaiano

Ci sono molti modi di arrivare, il migliore e' di non partire.
(Ennio Flaiano)



giovedì 13 agosto 2015

Amélie Nothomb

 Ci sono tentativi di consolazione che moltiplicano il dolore. 
Amélie Nothomb 

Amelie Nothomb


“Dove comincia il proprio territorio, dove finisce quello dell'altro? Esiste una geografia amorosa che vale le cartografie di guerra”
A.Nothomb - Barbablù

mercoledì 12 agosto 2015

domenica 9 agosto 2015

Jack Kerouac


“A me piacciono troppe cose e mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all’altra finché non precipito.”
Jack Kerouac, Sulla Strada



Enzo Biagi


Credo che la libertà sia uno dei beni che gli uomini dovrebbero apprezzare di più. La libertà è come la poesia: non deve avere aggettivi, è libertà.
(Enzo Biagi)


mercoledì 5 agosto 2015

Julio Cortàzar

Ho la tua foto; non per ricordarmi di te quando la guardo, ma per guardarla quando mi ricordo di te.

Julio Cortàzar



lunedì 3 agosto 2015

Antonio Machado

Nel cuore avevo la spina di una passione, sono riuscito a togliermela e adesso non sento più il mio cuore.
[Antonio Machado]

domenica 2 agosto 2015

Isabel Allende

"La mia vita è fatta di contrasti. Ho imparato a vedere le due facce della medaglia. Nei momenti di maggior successo non dimentico che altri di grande dolore mi attendono lungo la strada, e quando sono in piena sventura aspetto il sole che spunterà più avanti. Cosa ci accade? Forse siamo al mondo per cercare l’amore, trovarlo e perderlo, più di una volta. Con ciascun amore torniamo a rinascere, e con ciascun amore che finisce ci si apre una ferita. Sono piena di orgogliose ferite".
Isabelle Allende


D'amore e d'ombra

«Entrambi percepirono la pelle dell'altro prima mai così precisa e vicina, la pressione delle loro mani, l'intimità di un contatto anelato fin dagli inizi del tempo. Li invase un calore palpitante nelle ossa nelle vene nell'anima, qualcosa che non conoscevano o che avevano del tutto scordato, perché la memoria della carne è fragile. Tutto scomparve intorno ed ebbero coscienza solo delle labbra unite che prendevano e ricevevano».
— Isabel Allende, “D’amore e d’ombra”

Il quaderno di Maya

“Mi hanno chiamato Maya […] In indi Maya significa "incantesimo, illusione, sogno”. Niente a che vedere col mio carattere. Attila mi starebbe meglio, perché dove passo lascio solo terra bruciata.
— Il quaderno di Maya - Isabel Allende

Buon compleanno, Isabel Allende

Per le donne, le parole sono il miglior afrodisiaco. Il punto G è nelle orecchie; chi lo cerca più in basso perde il suo tempo
-Isabel Allende


Auguri di buon compleanno alla scrittrice cilena Isabel Allende, nata a Lima il 2 agosto 1942.

sabato 1 agosto 2015

Buon compleanno, Giancarlo Giannini

La curiosità è il motore del mondo.
- Giancarlo Giannini

Auguri di buon settantatreesimo  compleanno all'attore, doppiatore, regista e sceneggiatore Giancarlo Giannini, nato a La Spezia il 1° agosto 1942.